Stile da Cani

Malattie dei cani: Poliradicoloneurite acuta

 Poliradicoloneurite  acuta, come si manifesta e come si cura.

 

La poliradicoloneurite acuta è una patologia infiammatoria che interessa le radici di più nervi spinali caratterizzata da insorgenza acuta di paresi/paralisi flaccida.

È una patologia descritta soprattutto nel cane, più raramente nel gatto, è una neuropatia periferica considerata l’equivalente canino della Polineuropatia acuta umana definita “Sindrome di Guillain-Barré” in cui la patogenesi è su base autoimmunitaria

La Poliradicoloneurite acuta, cos’è

 

Questa malattia è stata inizialmente descritta nei cani impiegati nella caccia al procione, come conseguenza del morso della preda, e difatti veniva chiamata “Paralisi da morso di procione”.

Spesso è stata correlata alla presenza di fattori scatenanti come vaccinazioni, infezioni virali, batteriche o protozoarie.

Infatti, in risposta a questi stimoli, il sistema immunitario produce auto-anticorpi che attaccano la mielina, una guaina che ricopre i nervi, e le placche nervose in cui si trasmette l’impulso dai nervi ai muscoli.

Come individuare la Poliradicoloneurite acuta

I primi segni clinici sono caratterizzati da una paralisi improvvisa che coinvolge dapprima i soli arti posteriori e poi tende a coinvolgere anche quelli anteriori.

I deficit sono esclusivamente di tipo motorio, senza alterazioni sensoriali.

Nelle forme meno gravi o nelle fasi iniziali, il sintomo principale è quello di una debolezza generalizzata che tende ad accentuarsi con il progredire dell’esercizio (intolleranza all’esercizio).

I sintomi della Poliradicoloneurite acuta

 

I sintomi evolvono in 5-10 giorni fino a coinvolgere i muscoli del tronco, del collo e della testa e il paziente si presenterà in decubito laterale, sarà incapace di sollevare la testa a causa della debolezza della muscolatura cervicale.

Il grado di progressione dei sintomi è variabile, nella maggior parte dei soggetti si assiste ad un lento e progressivo miglioramento che porta alla guarigione in 4-6 mesi.

Come aiutarli a stare meglio

 

Un’intensa fisioterapia è fondamentale nella gestione della neuropatia; permette di ridurre l’atrofia muscolare neurogena e di mantenere la mobilità articolare.

Un cambio frequente di decubito e un rivestimento della cuccia con materiale morbido sono essenziali per prevenire l’insorgere di piaghe da decubito.

In alcuni casi non si osservano miglioramenti o questi sono solo modesti e, infine, una piccola percentuale di soggetti possono morire per la comparsa di complicazioni di tipo respiratorio a causa della paralisi diaframmatica e dei muscoli respiratori intercostali.

Bisogna tener presente che uno stesso soggetto può presentare più volte questa patologia nel corso della sua vita se continua a entrare in contatto con l’agente scatenante.

È buona norma escludere, nei soggetti in cui la sintomatologia è compatibile con questa patologia, la presenza di agenti infettivi quali Toxoplasma gondii, Neospora caninum, Erlichia canis, Leishmania infantum.

Poliradicoloneurite acuta: cosa dice la scienza

 

Un recente studio condotto condotto dall’Università di Melbourne U-Vet Werribee Animal Hospital che il consumo di carne di pollo cruda aumenta di 70 volte il rischio che i cani sviluppino una sintomatologia compatibile con Poliradicoloneurite acuta.

Lo studio condotto su 27 cani con sintomi e 47 cani senza sintomi accomunati dalla stessa abitudine di essere alimentati con carne di pollo cruda ha dimostrato che la comparsa dei sintomi era probabilmente correlata al coinvolgimento del Campylobacter e, quindi, che fosse la carne stessa ad essere la fonte di questo batterio.

Anche l’esame delle feci, effettuato entro sette giorni dalla comparsa dei primi sintomi, ha mostrato la presenza dell’infezione da Campylobacter.

Il consiglio della veterinaria

 

Il mio consiglio è, ovviamente, evitare di somministrare carcasse di pollo crudo ai vostri cani almeno fino a che non ci saranno maggiori notizie circa questa patologia.

In Italia, nella mia esperienza come veterinario, mi è capitato di assistere due differenti pazienti, entrambi due cocker spaniel inglesi, un maschio ed una femmina, accomunati dall’essere alimentati anche con carne di pollo cruda.

Fortunatamente oggi questi due cockerini stanno bene e la femminuccia compirà tra qualche mese 16 anni!

Se sei un* proprietari* di cane, attento alla sua salute, segui il nostro Blog per consigli utili e informazioni che possono aiutarti a prevenire malattie al tuo cane.

Seguici sui canali social, per tutte le curiosità sui nostri amici a 4 zampe.

 

Dott.ssa Federica Pesce, DVM, Spec. Malattie Infettive, profilassi e polizia veterinaria, Dipl. SIUMB Ecografia dei piccoli animali

 

Share:

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on pinterest

Related Posts

Vaccinazioni dei cani: come funzionano

I richiami annuali delle vaccinazioni dei cani, come fare per non sbagliare. Per quanto riguarda i protocolli vaccinali, oggi, la comunità scientifica segue le linee

La displasia dell’anca del cane

Displasia dell’anca del cane: cos’è e cosa la provoca.   La displasia dell’anca è una patologia ad eziologia multifattoriale su base ereditaria. È una delle