Stile da Cani

Combatti il Blue Monday con un amico a 4 zampe

Il Blue Monday ovvero il giorno più triste dell’anno,  si affronta meglio se hai un amico a 4 zampe, lo dice la scienza; in questo blog post, scopriremo perchè.

 

Il terzo lunedì di ogni gennaio arriva il cosiddetto Blue Monday, ovvero il giorno più triste dell’anno, definito così per il malumore che sopraggiunge a causa di alcuni eventi scatenanti quali il clima rigido, il brutto tempo, le feste natalizie terminate da poco, lo stipendio dimezzato a causa di queste ultime e la scarsa voglia di tornare a lavorare. In questo tutorial vedremo come combatterlo insieme al nostro carissimo amico a quattro zampe.

Come affrontare il Blue Monday con un amico a quattro zampe.

 

Trascorrere il Blue Monday con un amico a quattro zampe è la soluzione ideale per combattere la tristezza, ritrovando in questo modo il benessere perduto.

In questo giorno così deprimente l’umore delle persone scende drasticamente. I nostri animaletti riusciranno a renderci immuni da tutto ciò grazie a piccole e semplici mosse che cambieranno il corso della nostra giornata.

Allo stesso modo in cui accade entrando a contatto con i bambini, è noto come il rapporto con gli amici pelosi aumenti l’apporto di dopamina e di ossitocina all’interno del nostro corpo.

Grazie al rilascio di questi due ormoni da parte del nostro cervello, i quali si occupano di contribuire alla calma e al buonumore, possedere un cane o un gatto in casa propria diviene un vero e proprio toccasana, recando benefici a livello psicologico e fisico. Dunque combattere il Blue Monday si può e in modo davvero semplice e divertente! Vediamo insieme come fare.

• COCCOLA IL TUO AMICO A 4 ZAMPE

Le coccole sono sempre gradite nostri animali, delle coccole extra lo renderanno certamente felicissimo e ringrazierà con il tenero sguardo e i suoi occhi pieni di luce saranno già motivo per te di essere un po’ meno triste.

Ricambierà con moine e leccatine facendoci sentire altrettanto amato.

 

• GIOCA CON IL CANE

Sia dentro casa che all’aperto potrai trascorrere dei magnifici istanti in allegria, giocando con il tuo cane e rafforzandone il legame attraverso il divertimento. Piccoli scherzetti e trucchetti stimolanti, animeranno questi attimi ridendo assieme al tuo animale peloso, il quale intraprenderà ogni sorta di strategia tra salti, corse e piroette per arrivare all’obiettivo prefissato.

 

• FAI UNA PASSEGGIATA CON IL TUO CANE

Se non possedessi un cane trascorreresti questo triste giorno crogiolandoti sul divano e senza particolari consolazioni. In questo caso non puoi, dovendolo portare fuori almeno 3 o 4 volte al dì tra bisogni e passeggiate. Grazie a questo gesto potrete condividere assieme un momento di spensieratezza e di relax, consentendoti di ritrovare velocemente il buonumore.

 

• PORTA IL TUO CANE IN UFFICIO CON TE

Se possibile, recati a lavoro insieme al tuo cane. Godendo della sua compagnia ti aiuterà a gestire meglio il rapporto casa-lavoro, aumentando la sensazione di benessere e diminuendo di conseguenza il senso di colpa derivante dall’averlo lasciato solo in casa per svariate ore.

È stato dimostrato come in sua presenza aumenti la qualità del lavoro, la concentrazione e la qualità della comunicazione tra colleghi.

Trascorrere il Blue Monday con un amico a quattro zampe renderà sicuramente più gioiosa la tua giornata grazie ai numerosi benefici che ne derivano.

Provare per credere!

Share:

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on pinterest

Related Posts

La displasia dell’anca del cane

Displasia dell’anca del cane: cos’è e cosa la provoca.   La displasia dell’anca è una patologia ad eziologia multifattoriale su base ereditaria. È una delle

Le monte dei cani  indesiderate

Le monte dei cani  indesiderate, cosa sono e come gestirle. Le monte dei cani indesiderate, sono un argomento che va approfondito, in quanto non necessariamente

età dei cani

Come si calcola l’età dei cani?

  L’età dei cani sembra sempre un mistero, impara a calcolare esattamente l’età del tuo cane. Per calcolare l’età dei cani generalmente si pensa che